Gli uffici della Fondazione sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:00. Per info: 0881.712182 oppure info@fondazionemontiunitifoggia.it
Open
X

Arpi riemersa. Una nuova pagina per la storia delle ricerche effettuate sul sito archeologico

Arpi riemersa

Comunicati stampa

Mercoledì 18 maggio 2022, alle ore 18 nella sala “Rosa del Vento” della Fondazione, in via Arpi 152 a Foggia, sarà presentato il catalogo della mostra “Arpi riemersa. Dalla rete idrica alla scoperta delle necropoli (scavi 1991-1992)”, curato da Italo Maria Muntoni, Priscilla Munzi, Claude Pouzadoux e Alfonso Santoriello.

Il catalogo e la mostra, allestita presso il Museo del Territorio del capoluogo daunio, aggiungono un’ulteriore tassello alle ricerche effettuate sul sito di Arpi e si legano al grande lavoro dell’archeologa foggiana Marina Mazzei; inoltre rappresentano la nuova tappa del progetto “Arpi project, abitare la città”, programma triennale di ricerca sul centro antico di Arpi, il cui obiettivo è stato la ricostruzione dell’ambiente e degli assetti urbani e territoriali occorsi nel tempo e lo studio dei dati inediti dello scavo della domus dell’ONC 28 (1992 – 1997), la Casa dei leoni e delle pantere dal mosaico lì ritrovato, effettuato proprio dalla dott.ssa Marina Mazzei.

Partito nel 2014 e presentato in Fondazione nel 2016, “Arpi project” è frutto della collaborazione tra il Centre “Jean Berard” di Napoli (CNRS/EFR), l’Università degli Studi di Salerno e la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Barletta-Trani-Andria e Foggia.

Alla presentazione, dedicata alla memoria della dottoressa Mazzei, prenderanno parte il presidente della Fondazione, Aldo Ligustro, la Soprintendente Archeologia e Belle Arti per la Bat e Foggia, Anita Guarnieri, la direttrice del polo biblio-museale di Foggia, Gabriella Berardi, la Soprintendente Archeologia e Belle Arti di Bari, Marisa Corrente, Maria Luisa Marchi dell’Università degli Studi di Foggia, Eliana Mugione del’Università degli Studi di Salerno, e gli autori.

Ingresso libero, mascherina FFP2 obbligatoria.

Al termine della presentazione seguirà la visita della mostra allestita presso il Museo del Territorio, in via Arpi 155.