Gli uffici amministrativi della Fondazione resteranno chiusi per la pausa estiva dal 7 al 25 agosto. Buone vacanze!
Open
X

“Architetture per Foggia”, la città del futuro.

“Architetture per Foggia”, la città del futuro

Aggiornamenti, Comunicati stampa, Multimedia

Lunedì 19 giugno 2017, nella sala “Rosa del Vento” del palazzo della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, si è tenuta la cerimonia di premiazione e l’inaugurazione della mostra dei progetti che hanno partecipato ad “Architetture per Foggia”, il concorso di idee promosso dalla Fondazione e dal Rotary Club “Umberto Giordano” del capoluogo e giunto alla seconda edizione, destinato quest’anno a raccogliere progetti di riqualificazione del quartiere ferrovia e di luoghi del centro storico cittadino da sottoporre all’attenzione delle istituzioni territoriali.

“Ogni qualvolta si ritorna a parlare di sviluppo urbanistico della città, per la Fondazione è sempre un ottimo risultato – ha dichiarato in apertura il presidente della Fondazione, Aldo Ligustro – . In questo caso la soddisfazione è doppia perché il concorso, nonostante la giovane età, ha già raccolto molto consenso ed ottimi risultati. Penso ai progetti di riqualificazione del quartiere fieristico della scorsa edizione: le amministrazioni competenti, infatti, hanno moralmente adottato gli elaborati inserendoli nei programmi di riqualificazione di quell’area da tempo sofferente. E così accadrà per i progetti di quest’anno riservati al quartiere ferrovia. Poi credo valga la pena segnalare che gli elaborati presentati per la sezione 2 del concorso, il “Premio Antonucci” riservato agli under 35 e dedicato al centro storico, entreranno a far parte del “parco progetti” che la Fondazione potrebbe avanzare per futuri interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana di luoghi del borgo antico, dove questa istituzione opera proficuamente da molto tempo. Inoltre, attraverso questa sezione, la Fondazione punta alla valorizzazione professionale degli autori degli elaborati, giovani architetti ed ingegneri a cui, in caso di realizzazione, saranno affidate le direzioni dei lavori. In un momento come quello attuale – ha concluso il presidente- , di difficile crisi anche economica, non mi pare cosa da poco”.

Anche il presidente del Rotary Club “Giordano”, Antonio Stango, si è detto soddisfatto del risultato della seconda edizione del concorso “che non sarebbe mai ripartito senza la caparbietà di Giuseppe Centra, l’ex presidente del Rotary prematuramente scomparso, il quale, dopo alcuni anni di interruzione, aveva contribuito a rivitalizzare il concorso insieme a Filippo Santigliano, co-autore dell’iniziativa ideata con il compianto amico Giorgio Antonucci nel lontano anno “rotariano” 1999. Il nostro compito adesso è di proseguire sul solco tracciato – ha infine sottolineato il presidente Stango – insieme alla Fondazione dei Monti Uniti, fondamentale compagna di viaggio che ringrazio per il sostegno determinante alla riuscita del progetto”.

Dopo gli interventi dei rappresentanti degli ordini professionali di architetti ed ingegneri, Gaetano Centra e Pierluigi Schirone, ai quali è toccato il compito di illustrare i progetti vincitori delle due sezioni, si è passati alla premiazione. Per l’edizione 2017 si è aggiudicato il primo premio della Sezione 1, riservata a progetti di riqualificazione del Quartiere Ferrovia, lo studio associato “Zoo Architecture”. Per la Sezione 2, che era indirizzata al “Recupero e riqualificazione di un luogo della città storica di Foggia”, si sono aggiudicati il premio “Giorgio Antonucci” gli architetti Iole Stanziale, Alex De Muzio, Gaia Vicentelli e Renato Gaita. (nelle foto allegate)

Al termine della cerimonia di premiazione, condotta dal giornalista Filippo Santigliano, è stata inaugurata la mostra con tutti i progetti presentati alla seconda edizione del concorso. Gli elaborati saranno in esposizione presso la galleria della Fondazione dei Monti Uniti, in via Arpi 152, fino a lunedì 26 giugno, tutti i giorni esclusa la domenica, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 17 alle 20. Ingresso libero.