Gli uffici della Fondazione sono aperti tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:30. Per informazioni: info@fondazionemontiunitifoggia.it
Open
X

Operazione Herbert Voss. L'artista tedesco è presente su Facebook

Operazione Herbert Voss

Aggiornamenti

Dopo il focus su Joseph Beuys ed il progetto Fondo Alfredo Bortoluzzi, prosegue l´indagine a tutto campo della Fondazione Banca del Monte sulla presenza di artisti stranieri nel territorio foggiano, sull´impulso creativo trasmesso dall´ambiente e sul loro originale sguardo su di esso. La nuova inziativa e´ dedicata ad un altro artista tedesco vissuto per tutta la prima meta´ degli anni Sessanta a Monte Sant´Angelo, sul Gargano: Herbert Voss.

A piu´ riprese e da anni, amici e studiosi (a cominciare dall´artista suo allievo, Matteo Accarrino) reiterano tentativi e sforzi per riportarne alla memoria la vicenda umana e artistica. È con questo obiettivo che la Fondazione Banca del Monte di Foggia ha affidato a Stefan Nienhaus, titolare della cattedra di Cultura tedesca presso l´Universita´ degli Studi, Guido Pensato, artista e curatore, e Gaetano Cristino, storico e critico d´arte, il compito di coordinare, in vista di una mostra antologica dedicata all´Artista (che gli stessi cureranno), la ricostruzione della sua biografia e della sua produzione.

A tal fine si e´, inoltre, recentemente dato vita a un gruppo operativo, al quale potranno indirizzarsi quanti sono in condizione e decidono di fornire -anche avvalendosi di un´apposita scheda di rilevazione disponibile presso i componenti il gruppo stesso- informazioni relative al possesso di opere dell´Artista e/o di notizie e documenti (cartacei e visivi) sulla sua vita, la sua attivita´ e la sua permanenza sul Gargano, in Puglia e in Italia. Si hanno notizie, infatti, di sue mostre -alcune documentate, altre no- a Bari, Monte Sant´Angelo, Foggia, Capri, Manfredonia.

Compongono, ad oggi, il Gruppo operativo per una mostra antologica di Herbert Voss, oltre ai citati curatori e a Matteo Accarrino: Pietro Guerra (servizioguide@prolocomontesantangelo.it), Gaetano Prencipe (avv.gprencipe@gmail.com), Ercole Guerra, Luigi Mazzamurro, Antonietta Notarangelo, Pietro Notarangelo, Michele Serricchio e Cecilia Simone.

“Il progetto dedicato a Herbert Voss -ha dichiarato Nienhaus- rappresenta l´ulteriore tappa di una ricerca avviata con la mostra Nascita di un artista. Beuys a Foggia e sul Gargano, curata da Guido Pensato e dal sottoscritto, e proseguita con lo studio del lascito, acquistato dalla Fondazione del Monte di Foggia, delle opere dell´artista Alfredo Bortoluzzi, studiato e presentato in una serie di mostre al pubblico da Gaetano Cristino e Guido Pensato. Ora, Cristino, Pensato ed io abbiamo unito le nostre forze con l´obiettivo di ricostruire l´importante e proficuo rapporto che il pittore Herbert Voss ha vissuto con queste terre, alle quali ha dedicato molte opere e dove ha lasciato un ricordo ancora vivo, che ci riempie di gratitudine e di orgoglio nei confronti di un grande maestro straniero che aveva scelto il Gargano, Monte Sant´Angelo come sua nuova patria”.

“La Fondazione Banca del Monte, fin dalla sua istituzione, si e´ ritagliato un ruolo di rilievo nel recupero e nella valorizzazione dell´arte in Capitanata -ha commentato il presidente Saverio Russo. Un ampio spettro di interventi ha riguardato opere e monumenti del passato, per giungere fino alla contemporaneita´ piu´ avanzata. Si pensi -per non fare che qualche esempio- al restauro de La morte del crociato di Saverio Altamura, e, nella Cattedrale di Foggia, dell´organo e della grande tela di Francesco De Mura La moltiplicazione dei pani e dei pesci; ma anche all´allestimento di mostre dedicate a personalita´ significative della nostra storia -lo stesso Altamura, Domenico Caldara e gli artisti di Capitanata e pugliesi dell´Ottocento e del Novecento- e a tematiche, forme espressive (dalla grafica, alla fotografia, al fumetto, alle installazioni, alla video-art, al libro d´artista), protagonisti e correnti, che hanno segnato i decenni compresi tra la seconda meta´ del Ventesimo secolo e oggi. Mi riferisco alla Biennale internazionale TraCarte, alle personali dedicate a Vincenzo Amorico, Pino Ruscitti, Vito Capone, Dario Damato, Nicola Liberatore, Antonio Natale, Matteo Accarrino, Michele Carmellino, Gerardo Gerardi, Lorenzo Scarpiello, Ubaldo Urbano, Mimmo Attademo, Gerardo Parrella, Giovanni Rinaldi; a rassegne come Gli Altamura ritrovati, Art 12 artisti per 12 articoli (dedicata alla Costituzione Italiana), 1969-2009: Quarant´anni di storia del Foto Cine Club di Foggia… e cosi´ via, fino all´acquisizione delle opere su carta di Alfredo Bortoluzzi, alla istituzione del Fondo e all´allestimento delle mostre dedicate a questo artista tedesco di origini italiane -allievo del Bauhaus e di Paul Klee- che scelse di vivere meta´ della propria esistenza sul Gargano. E alla Montagna del sole rinviano anche Josef Beuys -protagonista di una ricerca e di una mostra (2008) Josef Beuys: nascita di un artista- e Herbert Voss, al quale la Fondazione dedica un progetto di ricerche e una ricognizione dell´opera, in vista di una mostra programmata per l´autunno del 2015. Con la ricostruzione della sua biografia e della sua vicenda artistica, la Fondazione intende definire un altro, significativo capitolo delle ragioni che nel Novecento hanno legato il Gargano alla cultura artistica tedesca».

Segnaliamo infine la presenza di una pagina sulla piattaforma social Facebook dedicata all’artista tedesco, in doppia lingua. Questo è il link diretto: https://www.facebook.com/maler.herbert.voss?fref=ts

Per ulteriori informazioni e comunicazioni:
info@fondazionebdmfoggia.com
guidopensato@gmail.com
gaetanocristino@virgilio.it