Gli uffici della Fondazione sono aperti tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:30. Per informazioni: info@fondazionemontiunitifoggia.it
Open
X

“Mio padre era fascista”: Pierluigi Battista a #Foggiadialoga. L'editorialista del Corriere della Sera opsite nella sala Rosa del Vento

“Mio padre era fascista”: Pierluigi Battista a #Foggiadialoga

Comunicati stampa

Sarà presentato venerdì 29 aprile 2016, alle ore 18:30 nella sala Rosa del Vento della Fondazione Banca del Monte in via Arpi 152 a Foggia, il nuovo libro di Pierluigi Battista “Mio padre era fascista” (Mondadori 2016), nell’ambito della manifestazione #Foggiadialoga, il piacere di capire, organizzata da Fondazione Banca del Monte, Fondazione Apulia Felix e Libreria Ubik, con il patrocinio della Regione Puglia.

Apprezzato giornalista del “Corriere della Sera”, Pierluigi Battista, giunto alla tredicesima fatica editoriale, presenterà il suo libro dialogando con Filippo Santigliano, capostruttura de “La Gazzetta di Capitanata”, con il presidente della Fondazione Banca del Monte di Foggia, Saverio Russo, e con la giornalista Alessandra Benvenuto.

Laureato in lettere moderne nel 1978 all’Università La Sapienza di Roma, Pierluigi Battista inizia la sua attività giornalistica nei mensili “MondOperaio” e “Pagina”, successivamente collaboratore a “L’Espresso”. Nel 1985 viene assunto come redattore, nella sede romana della Laterza, dal direttore editoriale Enrico Mistretta con cui instaura una collaborazione estremamente proficua. Nel 1988 inizia a lavorare per il settimanale “Epoca” e per il mensile “Storia Illustrata”, entrambi diretti da Alberto Statera. Due anni più tardi si trasferisce al quotidiano “La Stampa” come responsabile della redazione romana ed editorialista. Nel 1996 accetta la proposta di Giuliano Ferrara e diviene suo vice a “Panorama”. L’anno seguente Ferrara lascia la direzione del settimanale e Battista rientra a “La Stampa” come editorialista. Nel 2004 conduce il programma di approfondimento su Rai 1 “Batti e ribatti”. Dal 2005 al marzo 2009 è vicedirettore del “Corriere della Sera”, con delega per le pagine culturali. Nell’aprile 2009 è tornato a Roma come inviato editorialista del quotidiano di via Solferino. Dall’inizio del 2009 tiene regolarmente una rubrica (“Finale di partita”) di attualità e costume su “Magazine”, settimanale del Corriere della Sera. Ha condotto tre edizioni della trasmissione televisiva di LA7 “Altra Storia”. Attualmente è editorialista de Il Corriere della Sera.