Gli uffici della Fondazione sono aperti tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:30. Per informazioni: info@fondazionemontiunitifoggia.it
Open
X

“Il cielo e le terre” arriva a Biccari. Il progetto, ideato da Guido Pensato, è partito il 4 luglio

“Il cielo e le terre” arriva a Biccari

Aggiornamenti, Comunicati stampa

Si concluderà a Biccari, sabato 1 agosto, alle ore 18.30, presso lo spazio espositivo di Bollenti Spiriti, alla presenza del Sindaco, Gianfilippo  Mignogna, del Presidente della Fondazione Banca del Monte di Foggia, Saverio Russo e di quello del Foto Cine Club, Nicola Loviento, la serie di inaugurazioni dedicate alle mostre d’arte contemporanea e fotografiche, fulcro de Il cielo e le terre, ideato da Guido Pensato per Spazio55 e sostenuto dalla Fondazione.

Il progetto, avviato il 4 luglio, giunge, attraverso l’insieme delle cinque mostre allestite in altrettante località dei Monti Dauni, ad uno snodo, che consente di offrire all’attenzione del pubblico e dei visitatori – in particolare di quelli che vivono troppo spesso ai margini dei circuiti artistici e culturali – una panoramica dell’attività degli artisti e dei fotografi presenti, tutti strettamente legati ai contesti storici e culturali della Capitanata e della Puglia. Allestite in spazi espositivi insoliti o di grande rilievo storico-artistico, oltre che di Biccari, di Celle San Vito (Palazzo del Provenzale), Deliceto (Castello) , Faeto (Centro Polivalente), Roseto Valfortore (Villaggio “Jabrè”), le mostre saranno visitabili fino al 20 di settembre, secondo gli orari fissati localmente e reperibili sulla pagina Facebook “Il cielo e le terre Spazio 55”.

Questi gli artisti presenti alla mostra d’arte: Domenico Carella, Michele Carmellino, Roberto  Carreca, Rosalba Casmiro, Antonio Di Michele, Barbara La Ragione, Michele Lella, Nicola Liberatore, Salvatore Lovaglio, Nelli Maffia, Matteo Manduzio, Guido Pensato, Pietro Ricucci, Enzo Ruggiero.

Vista sui Monti Dauni. L’Appennino Foggiano in 40 scatti, sono il titolo e l’oggetto della mostra dedicata ai cinque centri coinvolti nel progetto dai fotografi  Daniele Ficarelli, Alfredo Ingino, Nicola Loviento, Gianmaria Pironti, Paola Ricucci, che si inaugura contemporaneamente alla prima, offrendo uno sguardo e punti vista in grado di cogliere la complessità delle vicende, del contesto e del presente sociale ed esistenziale di quei luoghi.

Questa e le altre mostre fotografiche già allestite circoleranno tra le diverse sedi, secondo una cadenza oggetto, anche in questo caso, di informazioni reperibili localmente e su Facebook.