Gli uffici della Fondazione sono aperti tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 13:30. Per informazioni: info@fondazionemontiunitifoggia.it
Open
X

Colloquia 2015, il fotoracconto. La due giorni del Festival delle Idee

Colloquia 2015, il fotoracconto

Aggiornamenti, Multimedia

Si è svolta il 21 e 22 marzo 2015, nell’auditorium della Biblioteca Provinciale di Foggia, la settima edizione di Colloquia, il Festival delle Idee organizzato ogni anno dalla Fondazione Banca del Monte e da ‘La Magna Capitana’. L’edizione di quest’anno, moderata dalle giornaliste Maddalena Tulanti e Antonella Caruso, è stata dedicata al tema “Icaro. Realtà, progetti, utopie per il futuro”: chiamati ad intervenire sull’affascinante argomento, come sempre, importanti esponenti del panorama nazionale della cultura e dei saperi, come Andrea Segrè, ordinario di Politica agraria internazionale e comparata all’Università di Bologna, dove è direttore del dipartimento di Scienze e Tecnologie agroalimentari, il cui intervento si è concentrato sul cibo ed i suoi valori, intesi sia come nutrizionali che culturali. Rivolto al futuro, in particolare delle tecnologie e dell’informatica, l’intervento di Dino Leporini intitolato “Uomini o robot”: il ricercatore e professore di Fisica generale all’Università di Pisa ha affrontato il tema del rapporto complesso tra l’uomo ed il computer e le possibili rischiose implicazioni di una società totalmente automatizzata. L’archistar Mario Botta, invece, si è concentrato sulla memoria e sul rapporto tra questa, l’archiettura ed il territorio: “Il carattere dominante dell’architettura -ha detto Botta- è dato dal contesto e dalla storia del territorio che colpisce l’occhio del creativo”. Con Franco Cassano, sociologo e saggista di chiara fama, si è invece approfondito il tema della “interdipendenza” dei popoli nell’era della globalizzazione, partendo da due libri: “The Butterfly Defect” di Ian Goldin e dalla “Geopolitica delle emozioni” di Moïsi Dominique. Ha chiuso la settima edizione di Colloquia Giuseppe Galasso, professore emerito nonché storico italiano tra i più apprezzati. Nel suo atteso intervento intitolato “Il Mezzogiorno a prescindere da colpe e teoremi”, il professor Galasso ha rievocato la storia del “dualismo italiano“, una vicenda infinita che alcuni datano a partire dall’invasione di Annibale.

Nell’archivio News di questo sito, o direttamente nella sezione Mediateca del sito www.festivaldelleidee.it, è possibile rivedere tutti i video degli interventi “integrali” dell’ultima edizione ed anche delle precedenti.